Questo sito usa i cookie per fornirti un'esperienza migliore. Cliccando su "Accetta" saranno attivate tutte le categorie di cookie. Per decidere quali accettare, cliccare invece su "Personalizza". Per maggiori informazioni possibile consultare la pagina Cookie policy.

PersonalizzaAccetta
CHIUDI
  • Gestionale per marketplace: vantaggi e utilizzi

    Pubblicato il 23.02.2024

    Vantaggi nell'utilizzo di un gestionale per marketplace

    Hai aperto un negozio virtuale su Amazon, Ebay, Eprice o Leroy Merlin? Allora un gestionale per marketplace può facilitarti il lavoro, permettendoti di concentrarti unicamente sulla vendita dei tuoi prodotti, lasciando che il software si occupi di allineare con pochi click i vari presidi di vendita, senza moltiplicare il tuo lavoro. 

    Una grande vetrina - sia verticale che generalista - può rappresentare, infatti, un'ottima soluzione per far crescere il business, a fronte del pagamento di una percentuale sul transato o un abbonamento mensile. 

    Il problema, però, nasce quando si devono gestire diversi marketplace: ciò significa moltiplicare le varie operazioni di gestione, dall'aggiornamento delle schede prodotto alle disponibilità, dalla gestione degli ordini a fatturazione, spedizione e resi.

    I benefici che si ottengono associandosi a diversi marketplace sono evidenti, in primis la possibilità di raggiungere più clienti, oltre ad agevolazioni sui costi di spedizione (se si decide di affidarsi a loro per le consegne della merce).

    Come si possono, però, ottimizzare i tempi? Come si può garantire rapidità e serietà, soprattutto quando si collabora con più realtà? In questo articolo vedremo perché un software dedicato ai marketplace è uno strumento letteralmente indispensabile per aumentare l'efficienza organizzativa e ottimizzare i tempi di lavoro.

    Continua a leggere
  • Gestire le spedizioni di un e-commerce: come funziona?

    Pubblicato il 22.02.2024

    Come gestire le spedizioni di un e-commerce

    La corretta gestione delle spedizioni di un e-commerce è sicuramente un punto di forza per un business online che funziona efficacemente. È un aspetto spesso sottovalutato, a torto, nella strategia di marketing.

    Il mercato, infatti, è sempre più esigente e le persone che ordinano un prodotto da un negozio virtuale vogliono riceverlo il prima possibile. Dietro a questo processo si celano una serie di operazioni necessarie che comprendono la scelta del packaging idoneo, la stampa dei documenti di trasporto, fino all’organizzazione con il corriere (e alla gestione dei resi e dell’eventuale insoddisfazione del cliente).

    La logistica, i tempi di spedizione e di consegna non vanno mai trascurati. Ci sono una serie di strumenti che possono aiutare molto nelle questioni logistiche, con finalità di velocizzazione e organizzazione di questa fondamentale parte della vendita online. Vediamo, quindi, come gestire le spedizioni di un e-commerce in modo pratico e celere.

    Come funzionano le spedizioni di un e-commerce e perché sono così importanti?

    Quando il venditore riceve un ordine e la conferma di pagamento, per spedire la merce solitamente segue questi passaggi:

    • Recupero dei prodotti in magazzino e contestuale aggiornamento delle disponibilità.
    • Packaging e imballaggio degli articoli.
    • Preparazione delle etichette per il corriere, dei documenti di trasporto e della fattura (o scontrino).
    • Consegna del pacco al corriere.
    • Eventuale gestione di resi.

    Continua a leggere
  • Vendita al banco e online: come organizzarla?

    Pubblicato il 23.01.2024

    Organizzare la vendita al banco e la vendita online

    Sono sempre di più i negozi fisici che, pur mantenendo la propria attività, hanno deciso di aprire anche uno shop virtuale per cogliere nuove opportunità di commercio. Per organizzare la vendita al banco e online, però, occorre mettere in pratica strategie ben precise e dotarsi degli strumenti giusti che possono aumentare il fatturato e ottimizzare le risorse.

    Vediamo quindi qualche consiglio utile per pianificare al meglio l’attività e come farlo, scegliendo i giusti strumenti che possono velocizzare e migliorare il lavoro.

    Vendita al banco: aumentare gli incassi con un gestionale

    Un cliente che decide di acquistare un prodotto o un servizio in un negozio fisico vive un’esperienza, dal primo momento in cui mette piede nell’attività fino all’uscita.

    Continua a leggere
  • Pagamento rateale e-commerce: quale sistema scegliere

    Pubblicato il 22.01.2024

    Introdurre il pagamento rateale in un e-commerce

    Se vendi online, il pagamento rateale per l’e-commerce è un servizio che devi assolutamente considerare per ridurre l’abbandono dei carrelli e incentivare le vendite.

    Puoi offrire, infatti, ai tuoi clienti la possibilità di acquistare ciò che desiderano, suddividendo la spesa in più quote - tipicamente tre - grazie a un metodo sicuro e pratico, che non andrà a pesare troppo sulle loro finanze.

    Come si può fare e quali sono i vantaggi di questa opzione di pagamento? Vediamolo insieme, scoprendo i sistemi migliori e come possono essere utili alla tua attività.

    Pagamenti rateali nei negozi online: cosa sono e come funzionano

    L’acquisto a rate è anche noto come “buy now, pay later” (BNPL) o “compra ora, paga dopo”. È un metodo di pagamento dilazionato che, in pochi click, realizza un piano di finanziamento a base mensile (solitamente 3 o 4 mesi) e senza interessi.

    In questo modo, i clienti usufruiscono di un servizio comodo e sicuro che permette loro di diluire la spesa, senza rinunciare o rimandare l’acquisto.

    Ma come funziona il pagamento rateale per un e-commerce? Il meccanismo è molto semplice.

    Il fornitore di pagamenti a rate (con un gateway noto come PayPal, per esempio) paga al commerciante l’intera somma al momento dell’acquisto, chiedendo poi le commissioni per il servizio. Per quanto riguarda il cliente, invece, l’addebito avviene direttamente sulla carta di debito, di credito o sul conto corrente nelle date concordate.

    A differenza dei classici prestiti con le finanziarie, la risposta è immediata e il pagamento a rate si può richiedere anche per piccole somme.

    È poi il provider a seguire tutto l’iter per l’approvazione delle transazioni; il cliente deve solo aprire un account e fornire le informazioni richieste.

    Bastano pochi minuti per la verifica dei dati e la valutazione per la concessione delle rate e, se l’esito è positivo, si procederà con il versamento delle quote nei tempi stabiliti.

    Continua a leggere
  • E-commerce: cos' un gateway di pagamento e come funziona

    Pubblicato il 19.12.2023

    Gateway di pagamento e-commerce: caratteristiche e costi

    I gateway di pagamento sono infrastrutture che consentono a un esercente / a un proprietario di e-commerce di accettare denaro ogni volta che una persona fa un acquisto, gestendo tutto il processo di incasso fino alla "Thank you page" in maniera sicura.

    Se stai realizzando un e-shop, quindi, devi scegliere il sistema di pagamento più idoneo alla tua attività valutando diversi fattori, come l'integrazione e la compatibilità con il sito web o il valore delle commissioni. Vediamo meglio di cosa si tratta.

    Cos'è un gateway di pagamento e come funziona

    Un gateway è un servizio che raccoglie i dati di una transazione e li trasferisce da un sito web (ma anche da un terminale o un device mobile) al processore di pagamento. Un modo sicuro, insomma, per mediare tra la banca e l'utente.

    Il funzionamento di questo sistema è piuttosto semplice e immediato e possiamo riassumerlo con questi passaggi:

    1. L'utente effettua un pagamento immettendo i propri dati (compreso il numero di carta di credito, la data di scadenza della carta e il codice CV2/CVV per confermare la transazione).
    2. Il denaro si muove. L'acquirer scelto dal proprietario del sito web o dall'esercente (merchant) accetta la transazione.
    3. Il circuito della carta riceve un messaggio dell'acquirer con la richiesta di pagamento.
    4. Il circuito trasmette la richiesta alla banca del titolare della carta.
    5. La banca verifica la disponibilità dei fondi del loro cliente e autorizza o nega il pagamento.
    6. Se la transazione è autorizzata, il circuito conferma l'operazione all'acquirer che invia una comunicazione all'esercente riguardo al pagamento effettuato.
    7. L'esercente o proprietario dell'e-commerce conferma il pagamento all'utente e procede con la preparazione della merce e la spedizione.

    Gateway di pagamento: la terminologia

    Per chiarire cos'è il gateway di pagamento online e il suo funzionamento abbiamo utilizzato una terminologia tecnica. Vediamo di definire meglio i termini utilizzati.

    Continua a leggere
  • Aprire un e-commerce: come iniziare?

    Pubblicato il 19.12.2023

    Aprire un e-commerce: come iniziare

    Hai deciso di aprire un e-commerce ma non sai da dove iniziare? In questo articolo troverai tutte le informazioni necessarie, oltre agli obblighi burocratici e gli adempimenti da rispettare.

    Del resto, l'e-commerce è un settore in forte espansione, da considerare se hai già un business o vuoi dedicarti ex novo alla vendita di prodotti e servizi. 

    La facilità d'acquisto da ogni device e la sicurezza nelle transazioni elettroniche ormai consolidata hanno infatti conquistato molte persone - anche le più reticenti.

    Aprire un sito e-commerce è davvero molto più semplice rispetto al passato, perché puoi trovare strumenti e risorse accessibili per ogni tipo di attività, senza necessità di enormi conoscenze tecniche. Vediamo, dunque, cosa devi fare per realizzarlo e conquistare la tua nicchia di mercato.

    Avviare un e-commerce: parti dall'idea

    La prima cosa da fare è mettere in ordine le idee e creare un piano aziendale dettagliato.

    Scegli cosa vuoi vendere, studia il settore e i competitor, ovvero le altre aziende che - come te - stanno vendendo quel prodotto o quel servizio. Analizza come lo fanno, i prodotti selezionati per lo shop, i prezzi, le offerte, le grafiche… e poi utilizza tutte queste informazioni per comporre la tua strategia.

    Oltre ai concorrenti, devi studiare bene anche la tua nicchia di mercato. Scopri cosa piace al tuo target e realizza dei veri e propri profili dei tuoi clienti (anche detti buyer persona): ti servirà per pianificare la tua strategia di marketing!

    Per farlo puoi:

    • cercare informazioni sulle preferenze dei tuoi potenziali clienti sui social network e i forum;
    • individuare i prodotti di tendenza analizzando i motori di ricerca o i più importanti marketplace (come Amazon, per esempio).


    Quando il quadro è completo, inizia a costruire il tuo marchio. Crea un'immagine identificativa, stabilisci i valori e gli scopi del tuo business prefiggendoti degli obiettivi raggiungibili a piccoli step.

    Continua a leggere
  • Marketplace per vendere online: quali sono e come funzionano

    Pubblicato il 27.11.2023

    I principali marketplace per vendere online

    Hai mai sentito parlare dei marketplace per vendere online? Se stai valutando questa opzione per il tuo business, con molta probabilità ti starai chiedendo quali sono le differenze con l’e-commerce, i vantaggi di questa soluzione e come il tuo business può beneficiarne, aumentando visibilità e guadagni

     

    Per capire meglio di cosa stiamo parlando, prosegui con la lettura di questo articolo: ti spiegheremo cos’è un marketplace, la differenza con un e-commerce proprietario, oltre a caratteristiche e costi. 


    Marketplace ed e-commerce proprietari: cosa sono?


    Come puoi aver intuito, i marketplace e gli e-commerce proprietari non sono la stessa cosa. 

    O meglio: sono entrambi negozi online, che offrono una bella vetrina per la vendita di prodotti e servizi, ma cambiano le modalità e i soggetti coinvolti

     

    In particolare, l’e-commerce è un sito online che supporta la vendita di articoli di un solo venditore, che può corrispondere anche al proprietario di un’attività fisica, come un negozio. 

     

    Con i marketplace, invece, sono coinvolti più soggetti. La stessa vetrina, cioè, è condivisa dal proprietario del negozio e altri venditori terzi che propongono ciascuno i propri prodotti. 

     

    Va precisato che non è detto che una soluzione debba escludere l’altra. E-commerce e marketplace si possono collegare per facilitare le operazioni di vendita, la contabilità e migliorare persino la fase di post-vendita.

     

    Sono soluzioni che possono convivere per una ragione banalissima, molto semplice: aumentano le possibilità di contatto tra venditore e potenziali clienti.


    Continua a leggere
  • Gestionale ecommerce: come scegliere il migliore

    Pubblicato il 27.11.2023


    Cosa valutare nella scelta di un gestionale e-commerce

    Perché affidarsi a un gestionale per e-commerce? E come scegliere qual è il migliore tra tutti quelli proposti sul mercato? Queste sono domande comuni che un'attività si pone spesso prima di aprire uno shop online

     

    L’e-store, infatti, può essere una grande opportunità di business, ma per ottimizzare il lavoro - e massimizzare le vendite - va scelto con attenzione un software che metta a disposizione tutti gli strumenti di gestione più opportuni.

     

    I gestionali per l’e-commerce hanno caratteristiche comuni ma, a loro volta, si differenziano per facilità di utilizzo, funzionalità, integrazioni e compatibilità con i sistemi operativi: tutti fattori da considerare nella valutazione del gestionale migliore per il tuo business. 

    Prosegui nella lettura perché in questo articolo ti forniremo tutti gli strumenti per fare la scelta giusta.

     

    Ha senso, oggi, aprire un e-commerce?

    Partiamo dalle basi: un e-commerce è un negozio virtuale che serve a vendere prodotti online. Può coesistere con un negozio fisico, sia piccolo che di una grande catena, o nascere direttamente sul web, come realtà indipendente. 

     

    Il negozio virtuale rappresenta un’importante risorsa per chi propone prodotti in svariati settori merceologici (tech, abbigliamento, giocattoli, gaming, food & beverage, pet, outdoor, sport…) e il mercato delle vendite online è in costante crescita. Secondo il report annuale sull’e-commerce italiano pubblicato da Idealo, infatti, “oltre 8 italiani su 10 comprano online almeno una volta al mese”.

     

    Utilizzato al meglio, dunque, può essere una grande opportunità di business.

    Gestionale per e-commerce: a cosa serve e come si gestisce?

    Il successo di un negozio online è determinato da diversi fattori che vanno dalla scelta del prodotto (deve essere attraente e utile per l’acquirente) al servizio offerto, dalla spedizione all’organizzazione impeccabile di tutte le fasi di pre-vendita e post-vendita

     

    Tutte operazioni che si possono seguire in modo agile e completo con un software gestionale e-commerce


    Continua a leggere

8 risultati trovati (10 per pagina - 1 in totale)

Point
Ready Pro ecommerce