Normativa italiana in materia di ecommerce

ATTENZIONE: Il seguente elenco è fornito a solo titolo indicativo e NON è esaustivo.
1) Comunicazione di avvio dell'attivita' di ecommerce al Comune di residenza
Per avviare una attivita' di ecommerce in Italia occorre inviare una comunicazione al Comune di residenza. Solo trascorsi trenta giorni dalla ricezione da parte del Comune di detta comunicazione il soggetto potra' legalmente iniziare a svolgere la sua attivita' (art. 18 del Dlgs n. 114/1998).

2) Informazioni di contatto e ragione sociale dell'azienda
Alcune informazioni devono essere obbligatoriamente inserite dal venditore sul proprio ecommerce, in modo che siano facilmente identificabili e consultabili dagli utenti, in particolare:
La ragione sociale dell'intestataria del sito completa di domicilio/sede legale
Il numero di partita IVA, il numero REA e/o il numero di iscrizione al Registro delle Imprese
Un contatto email

3) Diritto di recesso
Sul sito di ecommerce devono essere chiaramente indicate le condizioni per consentire ai clienti di usufruire del diritto di recesso (in base al decreto legislativo N.21 del 21 febbraio 2014)

4) Requisiti formali per i contratti a distanza
Il decreto legislativo N.21 del 21 febbraio 2014 ha inoltre introdotto nuove norme relative ai diritti dei consumatori per gli acquisti a distanza. Nell'articolo 51 relativo ai "Requisiti formali per i contratti a distanza" in particolare vengono riportate delle indicazioni ben precise su come dovrebbe essere configurata la pagina di conferma d'ordine su un sito ecommerce.

5) PRIVACY policy
Il sito deve prevedere una pagina che descriva la politica per la gestione della privacy relativa alle informazioni sensibili gestite dal sito ecommerce, in particolare per quello che riguarda i dati sensibili come le anagrafiche dei clienti.

6) COOKIE policy
A partire dal 2 giugno 2015 i siti web devono prevedere specifiche funzionalita' per informare gli utenti sull'utilizzo dei COOKIE e per ricevere il consenso all'utilizzo degli stessi.
Nel caso vengano utilizzati dei cookie di profilazione sono inoltre necessari ulteriori accorgimenti, tra cui la necessita' di segnalazione del loro utilizzo al Garante per la Privacy.
N.B. Le informazioni presenti in questo manuale sono puramente indicative e non esaustive.

Codice srl non puo' in ogni caso essere ritenuta responsabile per informazioni errate o mancanti riportate sul presente manuale utente e/o sui siti di proprietà di Codice srl.

Come indicato sopra, la normativa in materia di privacy è molto complessa, consigliamo quindi di fare sempre riferimento al vostro commercialista ed al vostro legale, per informazioni dettagliate ed aggiornate su quali operazioni e' necessario effettuare e quali adempimenti sono necessari perchè il vostro sito web sia sempre a norma di legge.

Login