CORRISPETTIVI ELETTRONICI CON READY PRO

Il 1° luglio 2019 scatta l'obbligo di invio telematico dei corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle Entrate. L'invio potrà avvenire esclusivamente tramite registratori di cassa telematici che andranno a sostituire le stampanti e i misuratori fiscali obsoleti che non dispongono di una connessione di rete. Alcuni registratori di cassa di ultima generazione come ad esempio Olivetti Nettuna 3000, Epson FP81 II, RCH Print F! o Italretail Nice possono essere adeguate tramite un aggiornamento del firmware, mentre le casse più datate andranno invece rottamate.

L'invio telematico dei corrispettivi giornalieri sarà obbligatorio inizialmente soltanto per le aziende con volume d’affari superiore a 400.000 euro annui. Per tutti gli altri soggetti, con esclusione di alcuni soggetti esentati dal MEF tramite specifico decreto, l'obbligo scatterà dal 1° gennaio 2020, data in cui prenderà il via anche la lotteria degli scontrini

Scontrino elettronico, bonus aggiornamento/sostituzione cassa

Per chi dovrà aggiornare o sostiture il proprio registratore di cassa sono stati messi a disposizione dei contributi pari a:

  • € 50 per l’aggiornamento del registratore già in possesso
  • 50% della spesa sostenuta per l'acquisto di una nuova cassa fino a un massimo di € 250

Il bonus può essere richiesto per ogni apparecchio aggiornato o acquistato, quindi i numeri sopra citati sono da intendersi per il singolo dispositivo.

I crediti potranno essere utilizzati in compensazione con l’F24 dalla prima liquidazione IVA successiva al mese in cui si è registrata la fattura (quindi dal 16 del mese successivo alla registrazione della fattura). La condizione essenziale per usufruire di questi bonus è che la fattura sia stata pagata con mezzi tracciabili.

Scontrino elettronico: cos’è, come funziona e cosa cambia

Lo scontrino elettronico è l’obbligo di memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi giornalieri previsto per i titolari di partita IVA che esercitano attività di commercio al minuto.

A partire dal 1° luglio 2019 e, a seguire, dal 2020, l’operazione sarà memorizzata e trasmessa telematicamente e a cadenza giornaliera all’Agenzia delle Entrate mediante registratori di cassa telematici.

I soggetti obbligati ad adeguarsi alla nuova modalità di certificazione delle vendite saranno quindi tutti coloro che esercitano attività per le quali non è obbligatoria l’emissione della fattura, salvo espressa richiesta del cliente (articolo 22 del DPR IVA). Si tratta ad esempio di alberghi, ristoranti, o negozi di vendita al pubblico.

Scontrino elettronico: emissione tramite i nuovi registratori telematici

I commercianti, tramite i nuovi registratori telematici, rilasceranno su richiesta del cliente un documento commerciale, stampato sempre su carta chimica, che sostituisce il tradizionale scontrino. Il documento commerciale servirà al cliente per aver diritto, ad esempio, al reso o a detrazioni e deduzioni fiscali.

Per non trovarsi impreparati sarà necessario muoversi in tempo per adeguare la propria casse alle novità in arrivo. Come affermato dalla stessa Agenzia delle Entrate, per arrivare pronti all’avvio dello scontrino elettronico, sarà possibile installare ed attivare i nuovi registratori telematici anche prima del 1° luglio 2019. Fino a tale data, sarà possibile utilizzare il nuovo registratore telematico in "modalità scontrino tradizionale" e renderlo operativo come terminale telematico dalla data di entrata in vigore della nuova normativa.

Scontrino elettronico e Ready Pro

Ready Pro supporta già differenti marche e modelli di registratori telematici come per esempio la gamma prodotti ItalretailRCH. L'elenco delle nuove casse supportate, in continuo aggiornamento è consultabile qui: elenco registratori telematici utilizzabili con Ready Pro